77 commenti su “Perché un nuovo blog?

  1. Ciao MeryLenn… Fai bene l’erbaccia togliere finchè e piccolo 😀 … io ti auguro tanta felicità con questo nuovo Blog, un forte abbraccio Pif ♥

    Mi piace

  2. io ho una piccola collezione della rivista “Casa in fiore” se ti dovesse servire… 😉
    ci sono consigli di tutti i tipi, come abbinare le piante, come curarle e come curarne le malattie! 😀

    Liked by 1 persona

  3. Eggià … chissà perchè ??? 😯
    Ma ciò che conta, sei Tu … e qualunque sia la tua motivazione penso che sia GIUSTA !!! 😀

    Mi piace

  4. Ma quanto mi piace questo post!!! Ma che aspettavi a scrivere con le tue manine? Mi piace questa “conversione”… continua su questa linea perchè “spacca” 😀
    Pensa che sul mio blog ci sono post ai quali darei fuoco!!! …e prima o poi faccio una cosa come la tua, però non mi faccio trovare dalle erbacce e se ne nasce una la spezzo da piccola 😀
    Mi farò prestare i libri da Roberta pure io 😉

    Mi piace

  5. Rieccomi. Dunque, volevo dirti che non so esprimerti un’opinione in merito, se hai fatto bene o se hai fatto male. Certo è che, se non conservi l’anonimato, è quasi come rimanere nel vecchio blog, cioè, secondo me…

    Non so se lo sai, ma io ho fatto un’esperienza simile. Tanti anni fa, esattamente alla fine del 2009, chiusi il blog Diemme e ne aprii un altro, con un altro nome. Ufficialmente – cioè pubblicamente – mantenni l’anonimato, però tutti i miei amici, quelli a cui tenevo almeno, vennero avvisati in privato dello spostamento. Il fatto non era tanto che il vecchio blog non mi rappresentasse più, quanto che era cresciuto con il supporto, o meglio la presenza costante e assidua di una persona, che a un certo punto se n’era andata. Quel blog era un luogo di ricordi con cui non riuscivo a convivere, era il blog in cui continuavo ad aspettare che lui tornasse, era il blog nella cui bacheca continuavo a imbattermi nei suoi commenti, e mi spezzava troppo il cuore. Avevo bisogno di una cura drastica, di quelle del tipo “occhio non vede cuore non duole”, e risorsi altrove (e infatti il blog si sarebbe pure dovuto/potuto chiamare “larabafenice”, ma quella è un’altra storia).

    Dopo un po di tempo di totale stacco dall’altra identità, mi sono ritrovata, in quello che scrivevo, a dover far riferimento a quello che avevo scritto nel primo blog, e così già si creò questa “sbavatura”: i lettori del secondo blog sapevano di Diemme, mentre quelli di Diemme, a tutt’oggi, ancora non sanno ufficialmente del secondo blog.

    Ma a un certo punto poi intervenne un vecchio carissimo lettore, esprimendomi il suo disaccordo per la creazione del nuovo blog. Mi disse che la vita va avanti, e le storie si superano, io invece così facendo l’avevo in parte cristallizzata, in parte ripudiata. Insomma, avevo fatto un torto, peraltro inutile, a una parte di me che bastava invece ricollocare al giusto posto, e lasciare che le cose nuove ricoprissero le vecchie. Fu così che il blog Diemme riaprì i battenti, ed eccomi ancora là. Il secondo blog tentati di mantenerlo in vita, ma alla fine era un infruttuoso dispendio di energie: è stato un bel blog, è stato un bel periodo, ma io sono e rimango Diemme.

    Ecco, quando ti ho lasciato quel primo commento stamattina, mi ripromettevo di tornare per dirti questo, solo come testimonianza della mia personale esperienza in merito alla chiusura del blog primigenio e alla decisione di rinascere in uno completamente nuovo.

    Per il resto, qualunque sia il tuo blog, noi siamo qui, contaci!

    Mi piace

    • Ti ringrazio e mi ritrovo in quello che hai scritto….non so nemmeno io se ho fatto bene oppure no a non conservare l’anonimato, lo scopo principale in verità era proprio quello, solo che pensandoci poi non mi è parso giusto nei confronti di tante persone con cui ho stabilito un rapporto vero e sincero, e avvisare queste poi, anche se l’avessi fatto solo in privato, dopo un po’ avrebbe portato comunque a me e l’anonimato non avrebbe comunque retto per molto….e di chiudere definitivamente ancora non mi va. Ma per quello che riguarda il blog vecchio, quello è un capitolo chiuso….ci ho messo molto a decidere perché era già da tempo che ci pensavo….ma quando poi decido non torno più indietro e non ho ripensamenti anche perché era diventato davvero un peso…. Tu mi dirai “ma tu sei sempre tu”….beh non è detto, sono sempre io certo ma non come prima….e non so sinceramente se questo sia meglio o peggio…..punti di vista 😉

      Mi piace

    • Ciao!scusa se mi intrometto.. Ma mi é piaciuto moltissimo questo tuo commento.. Perché alla fine questa tua esperienza di vecchio e nuovo blog e ricostruire e tornare ad essere felici ricostruendo sul passato che peró ci fa arrivare dove siamo si puó um pó ed in piccolo paragonarw alla vita di tutti i giorni… Son venuta a curiosare il tuo blog,ma è privato… Volevo comunqye farti un saluto!

      Mi piace

  6. “ho avuto testimonianze di amicizia che..” ed ancora nea vrai, Silvia. Leggendo le tue considerazioni, ho fatto un paragone inevitabile:cambiare blog, perche’ delle cose non sono come prima. Con tutti i risvolti che questo puo’ avere, cambiare blog e’ in fondo facile; piu’ difficile e’ cambiare la propria situazione di vita. “Accontendiamoci di cambiare blog” (facile…).

    Credo che se io dovessi cambiare blog, mi farei chiamare sempre Marghian. “Nome” che usavo mesi prima di creare un blog mio. Ciao, Silvia 🙂

    Marghian

    Mi piace

    • Questo è un altro discorso, per fortuna io della mia vita non vorrei cambiare proprio nulla….il cambiamento riguarda solo ed esclusivamente questo ambiente.
      Buona serata Marghian 🙂

      Mi piace

  7. Chiaramente e’ un altro discorso, e che in effetti era riferito a me. Non so se ricordi il post con la canzone di Tenco, “ciao amore”, e quello con la anzone di Baglioni, “poster”, ed un altra ancora, aventi per tema comune il bisogno di cambiare. Il riferimento era al mio bisogno di cambiare. Ciao Silvia, buona serata anche a te 🙂

    Mi piace

  8. Al di là di tutte le considerazioni fatte, che comprendo e condivido, quello che occorre assolutamente evitare è che un blog (che nessuno ci obbliga ad avere) non diventi un peso, vuoi per l’impegno che richiede, per le persone che lo frequentano o non lo frequentano , per le “facciate” da mantenere, per i legami che si erano creati e che si sono affievoliti, per tanti etc etc. Il blog deve restare un piacere da curare quando si può e come ognuno di noi sa fare, senza eccessive ansie. Nel rispetto degli altri, ma soprattutto di se stessi.
    Lieta di far parte ancora del tuo giardino
    ciao

    Mi piace

  9. A me piacciono i giardini curati e soprattutto profumati, mi raccomando la qualità dei fiori, colorati e per tutte le stagioni.
    Un abbraccio…MeryLenn 😉

    Mi piace

  10. Lo sapevo che ti avrei ritrovata! … Ne sono felice 🙂 non commento mai le scelte di chi stimo perché presumo che siano opportunamente ponderate.
    Ora sono qui, farò un salto ogni tanto nel mio periodo di standby
    Un grande abbraccio
    Primula

    Mi piace

  11. Finalmente un pochino di tempo per passare a salutarti nella tua nuova casetta fiorita.Sono d’accordo con il commento di Laura, mi piace leggere quello che “tu” scrivi. Sono sicura che di cose da dire ne hai tante, e lo farai con la sensibilità che si percepiva anche nelle cose di altri che sceglievi di pubblicare.Sarà bello venire a cogliere qualcuno dei fiori del tuo giardino.
    Ma a proposito dell’anonimato mi sorge un dubbio: come vuoi che ti chiamiamo, col tuo nome vero o con questo nuovo nick? A presto, e bentornata.

    Mi piace

  12. Nella confusione della Cookie law ho passato il mese di Giugno altrove e quando sono tornato di qua mi sono imbattuto in questo blog… All’inizio l’ho scorso tutto e meravigliato mi sono detto: – Accipicchia, assomiglia proprio tanto al blog di Silvia…- . Poi ho letto questo post e ho capito…
    Non sto a dirti se hai fatto bene o male… L’unica cosa che ti dico è che è un piacere ritrovarti e che tutto sommato lo stile è (grazie a Dio) sempre lo stesso: bello e inimitabile….

    Mi piace

      • Grazieeeee!sono daccordo in tutto e per tutto. proprio ieri con una mia amica parlavamo che le erbe cattive che ci fanno soffrire devono essere recise…!ma poi è rilassante fare un bel giro nel giardino!hihi!ad agosto non ho pc sotto mano e il cell mi si addinosaura, quindi speriam di riuscire a seguire i tuoi post!a settembre un caso rimadio!

        Mi piace

        • Ci riuscirai bene anche perché non sto pubblicando quasi niente, un po’ per il caldo un po’ perché ero con una mano sola, mi sono rotta il polso e se tutto va bene dovrei togliere tutto domani 😉

          Mi piace

          • no niente gesso, un tutore esterno con una semplice fasciatura. ma da fastidio anche questo perchè non riesco a utilizzare completamente la mano

            Mi piace

  13. Ciao Silvia sono contenta del tuo ritorno anche se è un bel pò che non commento sui vari blog seguo sempre i vecchi amici e cosi’ ti ho ritrovata ,non so cosa ti sia successo ma ti auguro una pronta guarigione un bacione

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...