48 commenti su “IL CHISSA’ DELLA VITA

  1. …immaginare che tutta la vita è una opportunità di qualità, una sfida che spinge alla ricerca del più piccolo germoglio di novità e di positività. Spesso nascosto.
    Allora, si potrebbe immaginare un umanesimo nuovo con la certezza che in un futuro non lontano ci sia di nuovo l’uomo.

    Mi piace

    • Credo che l’uomo ci sia anche ora, ma quelli che ci sono sono un po’ frastornati e si tengono in disparte sopraffatti dallo schifo generale che impera! Scusa il termine ma non ne ho trovato uno più adatto…..

      ________________________________

      Mi piace

  2. Ciao. Gia’, “hissà cosa direbbe il vento se non ci fossero piu’ vele?”. Direbbe sicuramente di essere senza scopo-o, meglio, di averne uno in meno. Direbbe la stessa cosa di un aquilone, o di una pianta, in una canzone che provai a comporre da ragazzo: “un acquilone, se un bambino non lo guarda, dimmi tu, che scopo ha..di volare? Una piantina, ha bisogno della luce tu lo sai, per non appassire.. cosi’ io ho bisogno del tuo amore, amami”, e coso 🙂

    “Chissà cosa direbbe il mare”. “Chissà cosa direbbe il tempo”.”chissà cosa direbbero gli occhi”. Potremmo continuare all’infinito elencando le cose “senza il loro scopo” o senza un loro scopo.
    Tutto e’ relazione, tutto e’ causa ed effetto, ogni cosa funge per altre cose, addirittura crea altre cose. E deve essere cosi’: Dio stesso non e’ immune dalla necessita’ di essere utile ad “altro”. Cosa direbbe Dio- se esistesse-, senza le sue creature? Ecco perche’ ci ha fatti! Per non sentirsi solo, e sentirsi utile. “Okay, Adamo,. hai fatto una cazzata ma con questo io mi sento importante, ti mando il redentore, e per salvarti mi faccio in tre 🙂
    E’ una battuta, ma per dire che tutto serve “ad altro” non ad esso stesso. La sostanza, secondo Spinoza, “in se’ et per se’ percipitur, et non indiget conceptu alterius rei- la sostanza persiste in se’ stessa e non bisogna del concetto di altre cose-, ma non e’ proprio cosi’. “Un aquilone, se un bambino non lo guarda, che scopo ha di volare?”. Direi che addirittura non esiste, se il bambino non lo guarda (tutto esiste in quanto percepito), ne’ se il vento non lo sostiene. Chissa’ cosa direbbe il vento, se un bambino non ci fosse a guardare un acquilone? Eccetera. Ciao 🙂

    Marghian

    Mi piace

      • “Quando non ce n’è più uno se ne trova un altro di scopo caro Marghian”. Giusto Silvia. Ma il commento non era autobiografico!!!!!! 🙂 🙂 Normale pensarlo, ma la considerazione e’ a carattere generale. Certo, anche la mia canzoncina, “un aquilone” lo da ‘ da pensare. Quando la scrissi, ero un ragazzo di belle speranze, 16 anni. Ciao 🙂

        Mi piace

  3. Acquilone . Me ne sono accorto adesso., dal cellulare. Eppure so che’ e’ una grossa aquila 🙂
    Bello il gioco di parole di Baglioni: “se non so volare come un’ aquila, provo a volare come un aquilone” 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...